- 20%

Cotta con balza velata in poliestere 95 cm

 248,00

1 disponibili

COD: 609A95INNO Categorie: , Tag:

Descrizione

Cotta con balza velata in poliestere 95 cm

La cotta con balza velata e’ realizzata in poliestere con balze in velo sia nelle maniche che nella parte inferiore raffigurante una croce stilizzata.

 

Caratteristiche tecniche
Materiale: poliestere
Lunghezza:95 cm

 

Cotta con balza velata in poliestere 95 cm

La cotta, è un paramento liturgico consistente in una veste bianca indossata dal clero e dai ministranti nelle celebrazioni.
Facilmente riconoscibile dal suo collo quadro;  tuttavia, mentre il camice copre tutto il corpo raggiungendo le caviglie, la cotta “si ferma” alle ginocchia. Il tessuto scende perpendicolarmente al corpo, provvisto, sulle parti anteriori e posteriori, di pieghe verticali. Anche ad essa, come per il camice, possono essere applicati ricami di ogni genere. Le cotte più semplici possono avere ricami più modesti o semplici simboli religiosi.

La cotta, indossata sull’abito talare, costituisce l’abito corale del clero. La cotta è indossata dal clero in tutte le celebrazioni liturgiche, fatta eccezione della messa. Se durante la celebrazione della messa è presente un ministro ordinato che indossa la cotta, significa che questi non sta celebrando o concelebrando ma semplicemente assistendo.

Paramento liturgico
Un paramento liturgico è un tipo di abbigliamento che viene utilizzato dalla Chiesa cattolica durante le celebrazioni liturgiche dai ministri o dai ministranti.
Prima della riforma liturgica avviata dal concilio Vaticano II si diceva paramento sacro. Oggi si parla di paramento liturgico, in quanto si riserva il termine “sacro” a ciò che è specificamente consacrato a Dio, mentre per i paramenti non è mai stata prevista una “consacrazione”.
Il termine “paramento liturgico” è riservato ai particolari tipi di abbigliamento propri della liturgia, benché in essa si adoperino anche altri abiti particolari che usano il clero (diaconi, presbiteri, vescovi) o i religiosi fuori dalla liturgia per sottolineare il loro particolare stato.

Tratto liberamente da Wikipedia