Camice in lana con ricamo oro 160 cm ricamo dorato su rete color oro

 370,00

1 disponibili

COD: 6589T160RIUM Categoria:

Descrizione

Camice in lana con ricamo oro 160 cm ricamo dorato su rete color oro

Il camice in lana con ricamo oro 160 cm è un camice due pieghe, con collo ad anello e cerniera laterale. Nelle maniche e sul fondo del camice si trova un ricamo realizzato a macchina color oro.

 

Specifiche tecniche

Materiali: lana
Altezza: 160 cm

 

Camice in lana con ricamo oro 160 cm ricamo dorato su rete color oro

Il camice, o alba (che nell’Alto Medioevo indicava la tunica clericale), è la veste bianca che indossano tutti coloro che officiano durante la liturgia cattolica. Essa è indossata non solo dal sacerdote celebrante, ma anche dai ministri e dai ministranti.

Il camice è una veste lunga con maniche lunghe che copre tutto il corpo dalle spalle alle caviglie. Il camice, secondo Principi e norme per l’uso del Messale Romano, va indossato sopra e dopo dell’amitto (nel rito ambrosiano l’amitto si pone al di sopra) ed è stretto ai fianchi dal cingolo. Il celebrante indossa anche la stola e la casula. Il diacono indossa la stola e la dalmatica.

Nella forma ordinaria del rito romano amitto e cingolo possono essere omessi, purché il camice sia fatto in modo tale da coprire il collo e da aderire ai fianchi. Invece nella forma straordinaria del rito romano amitto e cingolo sono obbligatori.

Tra le particolarità, alle estremità del camice, all’altezza degli orli, possono essere applicati ricami di ogni genere, che rendono alcuni camici molto preziosi. Sotto questi ricami vengono talora applicate delle fodere colorate, a seconda del “grado ecclesiastico” di chi lo indossa. Il camice può anche, più semplicemente, essere provvisto di qualche simbolo religioso o decorazioni di vario tipo.

I camici moderni, invece, sono provvisti di un colletto che aderisce al collo e sono muniti di cerniere sul petto o sulla spalla. Vi sono inoltre nuove tipologie di camice che richiamano le vesti monastiche con maniche larghe e cappucci.

Tratto liberamente da Wikipedia