Affresco Madonna con Bambino 40×60 cm su tela realizzato a mano

 360,00

1 disponibili

COD: 356MA Categoria:

Descrizione

Affresco Madonna con Bambino 40×60 cm su tela realizzato a mano

L’affresco Madonna con Bambino 40×60 cm è una tela che rappresenta la Madonna avvolta da una veste nera, mentre regge dolcemente Gesù Bambino fra le braccia, quest’ultimo avvolto da una veste rossa. Entrambi hanno il capo illuminato da una grande aureola dorata e si trovano su uno sfondo rosso.

 

Specifiche tecniche

Peso: 1,100 kg
Materiali: affresci su tela
Dimensioni: 40×60 cm

 

Affresco Madonna con Bambino 40×60 cm su tela realizzato a mano

Dopo il nome di Gesù non v’è nome più dolce, più potente, più consolante che quello di Maria; nome dinanzi a cui s’inchinano riverenti gli Angeli, la terra si allieta, l’inferno trema.

Tre sono i principali significati di questo nome:

  • Mare: dall’ebraico Maryam, nome adatto ad esprimere la sovrabbondanza delle grazie sparse sopra di lei.
  • Amarezza: anche questo conviene moltissimo alla Vergine il cui cuore nuotò in un mare di angoscia.
  • Stella: con questo appellativo la Chiesa invoca la Vergine nel bellissimo inno « Ave, Maris Stella ».

Il culto del Santissimo Nome della beata Vergine Maria che il Martirologio Romano ricorda in questo giorno, rievoca l’ amore della Madre di Dio verso il suo Figlio santissimo ed è proposta ai fedeli la figura della Madre del Redentore, perché sia invocata con profonda devozione. E’ un culto che si diffuse nel corso dei secoli in tutta la Chiesa, ed i Pontefici arricchirono d’indulgenze l’invocazione dei nomi di Gesù e di Maria.

Nel 1513 il Papa Giulio II da Roma concesse alla Spagna una festa in onore del nome di Maria. San Pio V la sopprese, Sisto V la ripristinò e si estese poi nel 1671 al Regno di Napoli fino a raggiungere Milano. Dopo la vittoria riportata nel nome di Maria contro i Turchi da Giovanni Sobieski, re di Polonia, il Beato Pontefice Innocenzo XI il 12 settembre 1683, in memoria e grato del prodigio, estese questa festa a tutta la Chiesa, fissandola alla domenica fra l’Ottava della Natività.

Liberamente tratto da Il Santo del Giorno