Vassoio quadro e ampolle dorato in vetro decorato in oro

 65,00

1 disponibili

COD: 1503CAL Categoria:

Descrizione

Vassoio quadro e ampolle dorato in vetro decorato in oro

Il vassoio quadro e ampolle dorato è un vassorio realizzato in vetro, su cui poggiamo sue ampolle anch’esse in vetro con dei graziosi disegni color oro. Il decoro dei tappi è realizzato in ottone dorato.

 

Specifiche tecniche

Peso: 460 g
Materiali: vetro e ottone
Dimensioni vassoio: 20×10 cm
Altezza ampolla: 10 cm

 

Vassoio quadro e ampolle dorato in vetro decorato in oro

Le ampolline sono due piccoli vasi sacri destinati a contenere il vino e l’acqua per la celebrazione della Messa.
Il termine ampollina deriva dal latino ampŭlla che significa “piccola anfora”.

Fin dai primi secoli del Cristianesimo si poté aggiungere un po’ d’acqua nel vino della consacrazione, poiché molto alcolico per poter essere conservato a lungo.
In origine il vino veniva offerto dai fedeli,  ognuno dei quali lo portava all’altare entro piccoli contenitori che venivano restituiti allo stesso proprietario dopo averne versato il contenuto nel calice. Grandi recipienti per il vino rimasero in uso ancora nel cerimoniale carolingio per decadere progressivamente con la fine del rito dell’offerta di questo.

Fino all’anno Mille non si ha alcun preciso cenno alla coppia di ampolline contenti l’acqua e il vino, adottate normalmente solo a partire dall’XI secolo. Con il Sinodo di Würzburg (1298) si stabilì definitivamente che le ampolle, fossero realizzate in vetro, peltro, oro e argento. Anche sulla forma non esiste alcuna prescrizione; è certo solo che si trattava di oggetti molto piccoli.
I più antichi documenti figurativi presentano, infatti, ampolle piccole e panciute, con manico sottile e beccuccio come si vede in alcuni dipinti.

Per l’ubicazione delle ampolline, durante il rito, erano prescritte un’apposita nicchia o un piccolo tavolo accanto all’altare; qui erano collocate su un vassoio con accanto il manutergio, un piccolo panno per asciugare le mani.

 

Liberamente tratto da Chatopedia