Tavola Sacro Cuore 27×37 cm stampa su tavola in legno incisa e dipinta con foglia oro

 32,00

1 disponibili

COD: 133S.CU218BELTA Categoria:

Descrizione

Tavola Sacro Cuore 27×37 cm stampa su tavola in legno incisa e dipinta con foglia oro

La tavola Sacro Cuore è una tavola che rappresenta il Sacro Cuore di Gesù su uno sfondo dorato.

 

Specifiche tecniche

Peso: 400 g
Materiali: stampa su tavola in legno
Dimensioni: 27×37 cm

 

Tavola Sacro Cuore 27×37 cm stampa su tavola in legno incisa e dipinta con foglia oro

Nel mese di giugno la Chiesa ricorda il Sacro Cuore di Gesù. Grazie alla devozione al Cuore divino, Gesù ci riporta al vero volto dell’Amore, quello del suo sacrificio e dell’immolazione.

Il 27 dicembre del 1673, Gesù apparve a Margherita Maria Alacoque, invitandola a posare il capo sul suo Cuore. Così, le disse: «Il mio divino Cuore è così appassionato d’amore per gli uomini, che non potendo più racchiudere in sé le fiamme della sua ardente carità, bisogna che le spanda. Io ti ho scelta per adempiere a questo grande disegno». Margherita Maria ebbe tali apparizioni per 17 anni, sino alla morte.

Durante la seconda apparizione l’immagine che vide Margherita fu la seguente:
il Cuore divino si manifestava su un trono di fiamme, circondato da una corona di spine simboleggianti le ferite inferte dai peccati e sormontato da una croce, quella della Redenzione. Durante la terza visione Gesù si presentava sfolgorante di gloria, con le cinque piaghe. Da quella umanità uscivano fiamme da ogni parte, soprattutto dal suo petto che, aprendosi, mostrava l’ardente e amante Cuore, sorgente di quelle fiamme.

Gesù Cristo si lamentava dell’ingratitudine degli uomini e della loro indifferenza, rivelando di sentirsi ferito dai comportamenti dei fedeli e dai loro sacrilegi. Quindi chiese a Margherita di fare la Comunione il primo venerdì di ogni mese e di prostrarsi, con faccia a terra, dalle 23,00 alle 24,00, nella notte tra il giovedì e il venerdì.

Le prime due cerimonie in onore del Sacro Cuore, presente dalla giovane, si ebbero nel Noviziato delle Suore della Visitazione di Paray-le-Monial nel 1685 e nel 1686.
Nel 1856, con il beato Pio IX, la festa del Sacro Cuore divenne universale. Sull’esortazione di questo Pontefice si diffusero gli Atti di consacrazione al Cuore di Gesù della famiglia e delle nazioni.

Sorsero ovunque cappelle, oratori, chiese, basiliche, santuari dedicati al Sacro Cuore di Gesù. Proliferarono quadri e stampe. Iniziò la pratica della Comunione nel primo venerdì del mese e si composero le Litanie del Sacro Cuore, dedicando il mese di giugno al suo culto.

Liberamente da “Santi e beati