Stola viola filigrana e ricamo croci e spighe in raso

 300,00

1 disponibili

COD: 80/040196SVGAM Categoria:

Descrizione

Stola viola filigrana e ricamo croci e spighe in raso

Stola viola damasco filigrana e ricamo croci e spighe è una stola realizzata interamente in raso in due colori diversi (viola e bianco), in modo da essere reversibile e da poter essere utilizzata in diversi contesti. La stola presenta, inoltre, dei ricami che rappresentano una croce e delle spighe dorate da entrambi i lati.

 

Specifiche tecniche
Materiali: raso

 

Stola viola filigrana e ricamo croci e spighe in raso

La stola è l’elemento distintivo del ministro ordinato e si indossa sempre nella celebrazione dei sacramenti.

E’ una sorta di fascia che il sacerdote o il vescovo, si mette dal collo a cadere sul petto e lega con il cingolo sopra l’alba e sotto la casula.Nel caso dei diaconi, la stola va incrociata dalla spalla sinistra sul davanti al lato destro della vita dietro; è sempre stretta con il cingolo sopra l’alba e sotto la dalmatica.

La stola sarà dello stesso colore della casula, e la disciplina attuale ne obbliga l’ uso nella Messa, nei sacramenti e nei sacramentali o comunque ogni qual volta ci sia un contatto con l’Eucaristia.

La parola orarium può derivare da orare (parlare, predicare, da cui la parola oratoria), ed è con questo significato che si trasforma in un simbolo dei predicatori.La Bibbia la classifica tra le vesti d’onore. A partire dal XII secolo non si è più utilizzato il termine orarium, ma stola.

Simbolismo della stola
È simbolo del potere o dell’autorità sacerdotale ed è l’insegna per eccellenza della dignità sacerdotale.Dato che la stola era una veste utilizzata da persone di una certa dignità, simboleggia la dignità del primo uomo, dell’uomo prima del peccato originale.

Simboleggia l’innocenza necessaria per compiere il servizio sacerdotale e l’abito di gloria con cui sarà rivestito il servo buono e fedele dal Signore come ricompensa per i suoi meriti. Evoca quindi “l’abito della festa che il Padre ha messo al figliol prodigo quando è tornato a casa” vergognandosi di ciò che aveva fatto.  Solo Dio può concederci questo abito e renderci degni di presiedere ala sua tavola. Si porta appoggiata al collo come si appoggia al collo un giogo. Ma quello dolce di Nostro Signore, cioè il giogo degli obblighi dello stato sacerdotale. Simboleggia anche le pecore, che il buon pastore porta sulle spalle.
La stola del diacono invece, è il simbolo del sacrificio ed al tempo stesso, della generosità a servizio della comunità cristiana.

Liberamente tratto da Aleteia