Scena con bimbo cm 8 in terracotta

 35,00

2 disponibili

COD: 1502SCBM8MEU Categorie: ,

Descrizione

Scena con bimbo cm 8 in terracotta

La scena con bimbo cm 8 in terracotta è un insieme di due statue napoletane che rappresentano un uomo con un bambino al suo fianco.

 

Specifiche tecniche

Peso: 60 g
Materiali: terracotta
Altezza: 8 cm

 

Scena con bimbo cm 8 in terracotta

Tra i simboli per eccellenza del Natale c’è sicuramente il Presepe. I primi a descrivere la Natività sono gli evangelisti Luca e Matteo. Infatti nel loro racconto c’è l’immagine di quello che poi nel Medioevo diventera’ il “praesepium“, dal latino “mangiatoia”. Il presepe che tutti conosciamo in particolare nasce dalla volontà di San Francesco d’Assisi. L’idea di far rivivere in uno scenario naturale la nascita di Gesù Bambino, difatti viene al Santo d’Assisi nel Natale del 1222 a Betlemme. Il primo presepe con tutti i personaggi risale, invece, al 1283, per opera di Arnolfo di Cambio. Intorno al 1500 nasce la cultura del presepe popolare grazie a S. Gaetano di Thiene il quale da impulso all’ammissione sul presepe anche di personaggi secondari. La nascita del “Figurinaio”, creatore di statuette, avviene nel XIV secolo ma nel 1600 gli artisti napoletani danno alla rappresentazione della Natività una nuova connotazione. Infatti si introducono scene di vita quotidiana e nuovi personaggi. Ed ecco, quindi, apparire nel presepe le statuette delle popolane, dei venditori di frutta, dei mendicanti, ognina con un suo ben preciso significato. L’apice fu raggiunto nel XVIII secolo.

Napoli, (come in molte regioni del sud, tra cui la Sicilia che vanta nomi eccellenti nella realizzazione di presepi artigianali) allestire il presepe è un vero e proprio rituale. E’ un momento “magico” che si attende tutto l’anno, e che va condiviso con tutti i componenti della famiglia. In questa rappresentazione Paradiso e Inferno, Bene e Male, Pagano e Cristiano coesistono. Ogni singola statuina, ogni luogo nasconde una simbologia, un significato ben preciso che va oltre la semplice raffigurazione della Natività.

Liberamente tratto da “NapoliToday