Santa Teresa cm 100 con occhi di vetro in resina vuota

 750,00

1 disponibili

COD: 226-100BELSA Categoria:

Descrizione

Santa Teresa cm 100 con occhi di vetro in resina vuota

La statua Santa Teresa cm 100 con occhi di vetro è una statua che rappresenta la Santa avvolta da una veste marrone e un mantello avorio chiaro, mentre regge dolcemente fra le braccia una croce e dei fiori colorati.

La statua e’ realizzata in vetroresina ed e’ decorata

 

Specifiche tecniche

Peso: 5,800 kg
Materiali: resina vuota
Altezza: 100 cm

 

Santa Teresa cm 100 con occhi di vetro in resina vuota

Teresa d’Avila (1515-1582) aveva due anni quando furono affisse sulla porta della Cattedrale di Wittenberg  le 95 tesi di Lutero contro la vendita delle indulgenze. Tale atto rappresentò una roboante manifestazione pubblica di protesta contro la Chiesa.

Nel secolo della Riforma Protestante Teresa si distinse per la sua imponente opera riformatrice all’interno dell’ordine carmelitano.

Teresa di Gesù, la cui festa liturgica cade il 15 ottobre, fu monaca per oltre vent’anni nel monastero dell’Incarnazione di Avila, dove la Regola carmelitana aveva subito un rilassamento.

Ciò che rendeva difficile la vita contemplativa erano: elevato numero di suore; la troppa frequenza degli incontri in parlatorio; una certa disorganizzazione nella distribuzione dei compiti.
Fu così che Teresa ebbe l’intuizione di fondare una clausura stretta: il 24 agosto 1562 la riforma teresiana prese vita nella piccola casa di San José.

La grande mistica spagnola comprese che, di fronte alle lacerazioni della Chiesa del suo tempo, la sua risposta doveva consistere nell’essere figlia e sposa fedele di Dio. Ciò corrispondeva ad una maggior adesione possibile alla Regola religiosa a cui si era sottomessa.

Il suo sguardo soprannaturale le permise di vivere la Fede in pienezza e i disegni divini si concretizzarono per mezzo di lei.

La piccola comunità delle Carmelitane Scalze (come venivano chiamate le monache di San José) diede una grande testimonianza di santità. Ciò portò ben presto molte giovani ad abbracciare quella vita in cui austerità e gioia, rigore e soavità, solitudine e cordialità si fondevano in un equilibrio mirabile.

Quello che Teresa inserì nell’Ordine non fu soltanto una serie di norme, finalizzate alla crescita interiore, ma soprattutto una profonda unione fra vita mistica e vita apostolica.

 

Liberamente tratto da Santi e Beati