Icona cm 10×30 Gesù Maestro

 25,00

Esaurito

COD: ART.9-6MARTI Categoria:

Descrizione

Icona cm 10×30 Gesù Maestro

L’Icona cm 10×30 Gesù Maestro è un’icona che rappresenta Gesù con Giuseppe e Maria, tutti illumianti da una croce dorata e su uno sfondo in legno scuro.

 

Specifiche tecniche

Peso:
Materiali:
Altezza: 10×30 cm

 

Icona cm 10×30 Gesù Maestro

La venerazione dell’immagine del Santo Volto di Gesù Cristo parte probabilmente da quella impressa nella Sacra Sindone, il lenzuolo col quale fu avvolto il corpo morto del Figlio di Dio.

Una delle persone che contribuirono a questo culto di adorazione è stata la Beata Maria Pierina de Micheli la quale nel 1938. Mentre era raccolta in preghiera davanti al Santissimo Sacramento, vide in un’apparizione la Madonna che le diede uno scapolare formato da due lembi di stoffa.
Essi raffiguravano uno il Santo Volto di Gesù circondato dalla scritta “Domine, vultum tuum super nos” ovvero “Signore, guardaci con misericordia”; e l’altro l’Eucarestia circondata da raggi e dalla scritta “Mane nobiscum, Domine”, cioè “Resta con noi, Signore”.
La madre di Gesù disse pressappoco così: “Questo scapolare è un pegno d’amore e di misericordia che Gesù vuole dare al mondo in questi tempi di odio contro Dio e la Chiesa. È necessario un rimedio divino. E questo rimedio è il Santo Volto di Gesù. Tutti quelli che indosseranno uno scapolare come questo e faranno, potendo, ogni martedì una visita al Santissimo sacramento per riparare gli oltraggi ricevuti dal Santo Volto di mio Figlio durante la sua Passione saranno fortificati nella fede, saranno pronti a difenderla superando le difficoltà e avranno una morte serena sotto l’amabile sguardo del mio Divin Figlio.”

In seguito lo scapolare fu sostituito, per comodità, con una medaglia. Il cui culto è approvato il 9 agosto 1940 e iniziò la sua diffusione in Italia, America, Asia e Australia. La celebrazione è sancita  ogni martedì, soprattutto il martedì grasso, quello che precede il mercoledì delle ceneri che dà inizio alla quaresima, e può essere un mezzo per avvicinarsi al Signore durante questo periodo particolare dell’anno liturgico.

Liberamente tratto da Il Santo del Giorno