Saldo

Cipollina in vetro 4x7x7 cm

 6,00

11 disponibili

COD: 1057CAL Categoria: Tag:

Descrizione

Cipollina in vetro 4x7x7 cm

La cipollina in vetro  è un contenitore trasparente per cera liquida in vetro a forma di cipollina, adatta per essere utilizzata come candela su altari di piccole dimensioni o per la corona d’avvento utilizzando cera liquida colorata

 

Specifiche tecniche

Peso: 100 g
Materiali: vetro
Dimensioni: 4x7x7 cm

 

Cipollina in vetro 4x7x7 cm

In ambito cristiano, le candele rappresentano in la «luce di Dio», o più precisamente la «luce di Cristo», e sono spesso collocate sull’altare. Durante la Veglia di Pasqua viene acceso ritualmente il cero pasquale, che rappresenta appunto Gesù, considerato «Luce del Mondo». Il cero pasquale, posto solitamente nei pressi dell’altare, è presente anche durante tutto il Tempo Pasquale e viene spento a Pentecoste.

Le candele votive possono essere accese durante la preghiera. Le candele vengono accese dai fedeli di fronte alle icone nelle chiese ortodosse. La Candelora segna la fine della stagione dell’Epifania.

In Svezia (e altre nazioni scandinave), Il giorno di Santa Lucia è festeggiato il 13 dicembre con l’incoronazione di una ragazzina con una corona di candele. Nei giorni anteriori al Natale si usa bruciare un ammontare prefissato di candela ogni giorno. Le candele, così utilizzate, prendono il nome di candele d’Avvento.

Nella liturgia della Chiesa cattolica il cero pasquale viene acceso all’inizio della Veglia pasquale, e simboleggia la luce di Cristo risorto.

Il rito romano attuale della veglia pasquale prevede che l’assemblea sia radunata in un luogo, fuori della chiesa o alla porta di essa, al buio, illuminato solo dal fuoco, dal quale si accende il cero pasquale.

Dopo aver benedetto il fuoco, il sacerdote celebrante compie alcune incisioni sul cero o più spesso indica alcune incisioni già predisposte: una croce, simbolo di Cristo; poi l’alfa e l’omega, prima e ultima lettera dell’alfabeto greco, per indicare che Cristo è il principio e la fine di tutte le cose; le cifre dell’anno per significare che Gesù – Signore del tempo e della storia – vive oggi per noi.

Liberamente tratto da Wikipedia