Angelo con violino in polietilene infrangibile cm 17

 19,50

1 disponibili

COD: 566FON Categoria:

Descrizione

Angelo con violino in polietilene infrangibile cm 17

L’Angelo con violino in polietilene cm 17 e’ la raffigurazione di un angelo musicante con il suo violino
E’ realizzato in polietilene, dipinto a mano.
Fornito di occhiello dietro per essere appeso.

 

Specifiche tecniche
Peso: 
Materiali: polietilene infrangibile
Altezza: cm 17

 

Angelo con volino in polietilene infrangibile cm 17

In molte tradizioni religiose, un angelo è un essere spirituale che assiste e serve Dio (o gli dei) o è al servizio dell’uomo lungo il percorso del suo progresso spirituale e della sua esistenza terrena.

Tutte le religioni monoteiste (cristianesimo, islam, ebraismo) da secoli credono anche nell’esistenza di una numerosa gerarchia di angeli ribelli a Dio Creatore, comandati da Satana, fondata sulla Bibbia.
Questi angeli, senza poter più cambiare idea, sono caduti una sola volta e per sempre fuori dal Paradiso, a causa della loro superbia e infedeltà, che li rese nemici dell’uomo e del creato.

La parola “angelo” deriva dal latino angelus ed ha origine dalla parola greca ἄγγελος (traslitterazione: ággelos; pronuncia: ánghelos), traduzione dell’ebraico מלאך, mal’akh, e significa “messo”, “messaggero”, “servitore”.
Attestato nel dialetto miceneo nel XIV/XII secolo a.C. come akero, con il significato di inviato, messaggero; e, come messaggero degli Dei, il termine “angelo” appare per la prima volta nelle credenze religiose della Civiltà classica.
Curioso il collegamento tra “angelo” e “angaria”: prima che gli angeli biblicamente fossero messaggeri divini e, cristianamente, divenissero i custodi soccorrevoli al fianco di ogni battezzato.
Nell’impero persiano l’angaro era il messaggero del sovrano destinato a portare ovunque i suoi ordini: affinché potesse svolgere celermente tale suo compito, era essenziale che le strade fossero costantemente mantenute in efficienza, era dunque indispensabile l’angaria a cui erano sottoposti tutti i sudditi le cui abitazioni o i cui terreni confinavano con la via regia.

Si crede che gli Angeli siano stati creati da Dio nel secondo giorno.

L’Universo, secondo gli Ebrei, è abitato da due categorie di esseri: gli angeli e gli esseri umani.
Esistono ordini, classi e schiere a capo delle quali viene distinto un angelo principale.
Molte notizie sugli angeli si trovano nell’insegnamento dei rabbini, l’angelologia non è creazione di esso.
Una corte celeste, con Dio Re e un esercito di ministri attorno a Lui, si trova descritta nella Bibbia e gli angeli vengono citati quali servi dell’Altissimo. Il motivo fondamentale dell’angelologia rabbinica non è quello di trovare intermediari tra Dio e il mondo, poiché non vi è bisogno di tali intermediari. Il vero scopo di essa era la glorificazione di Dio.
Quindi il compito primario degli angeli, per gli Ebrei, è quello di onorare Dio, ma anche di portare messaggi agli uomini.
Non svolgono, quindi, una funzione di intercessione per gli uomini, ma di presentazione agli uomini della volontà di Dio.

Liberamente tratto da “Wikipedia