Anello con preghiera Ave Maria in acciaio

 1,00

66 disponibili

COD: 558RING1001BOV Categoria:

Descrizione

Anello con preghiera Ave Maria in acciaio

L’anello con preghiera Ave Maria è un anello in acciaio, anallergico, con incisa la preghiera dell’Ave Maria. Comunicare la misura

 

Specifiche tecniche

Peso: il peso varia in relazione alle misure
Materiali: Acciaio

 

Anello con preghiera Ave Maria in acciaio

L’Ave Maria (si chiama così sia in latino sia in italiano), detta anche, in latino, salutatio angelica, è sia un’antifona sia una delle più diffuse preghiere mariane della Chiesa cattolica occidentale.

Il saluto tradizionale ebraico Shalom: “pace”, che con verbo o complementi sottintesi diviene “pace a Voi!”, “la pace sia con Te!”.

Il testo originale, scritto in greco, lo rende con l’imperativo presente khàire (“rallegrati”). Ad esempio, in inglese sono ammesse e usate due traduzioni della parola iniziale: “Salute” che riflette la traduzione latina, e “Rallegrati” (Rejoice) che rende l’originale greco.

La parola χαῖρε, khàire, ricompare nella Notte Santa fra le parole dell’angelo, che dice ai pastori: «Vi annuncio una grande gioia». Ricompare – in Giovanni – in occasione dell’incontro con il Risorto: «I discepoli gioirono al vedere il Signore».

Nel greco classico e della koinè, gioia e grazia (chará e cháris, in italiano carità) sono due parole che condividono la medesima radice. Questo era il comune modo di salutare fra i greci della koinè, e continua ad esserlo anche nel greco moderno.

La preghiera comprende due passaggi del Vangelo di Luca: “Ave, il Signore è con te”, e “Benedetta tu sei tra le donne e Benedetto è il frutto del tuo grembo”, nonché “piena di grazia” dal Giovanni 1,14 (che, però, in Giovanni è riferito a Gesù, Parola piena di grazia, e che, nel caso di Maria, sarebbe meglio tradurre con “Gratia cumulata,” piuttosto che con “Gratia plena”. A metà del XIII secolo l’Europa occidentale la preghiera consisteva solo di queste parole con la sola aggiunta del nome “Maria” dopo la parola “grazia”, come è evidente dal commento di San Tommaso d’Aquino per tale preghiera.

Tratto liberamente da Wikipedia