Acquaforte la Santa Messa 16×16 cm

 50,00

1 disponibili

COD: DRP06OAT Categoria:

Descrizione

Acquaforte la Santa Messa 16×16 cm

L’Acquaforte la Santa Messa 16×16 cm è una ceramica realizzata su coccio fatto a mano e cotto a 930°, che rappresenta la celebrazione della messa. Incorniciata con legno massello antico.
Tratto dalle opere del pittore tedesco Albrecht Dürer.

 

Specifiche tecniche

Peso: 420 g
Materiali: legno e ceramica
Dimensioni: 16×16 cm

 

Acquaforte la Santa Messa 16×16 cm

La messa è una composizione sacra che comprende un insieme coerente di parti, suscettibile di servire come accompagnamento alla liturgia eucaristica o Celebrazione eucaristica, prevalentemente quella della Chiesa cattolica, ma anche della chiesa anglicana o luterana.

Nel corso dei secoli la messa ha subito numerose modificazioni, legate sia alla riforma della liturgia, sia al cambiamento del gusto artistico e musicale. Originariamente si trattava prevalentemente di musica corale ed incentrata sulle parti del proprio, come nel canto gregoriano, in seguito si è sviluppata su parti strumentali e sull’ordinario.

I testi cantati sono generalmente in latino.

Le messe possono essere a cappella, per sola voce umana, oppure con l’accompagnamento di uno strumento obbligato fino ad includere un’intera orchestra. In taluni casi, alcune composizioni musicali, pur utilizzando il formato della Messa, non erano originariamente concepite per essere effettivamente utilizzate durante la celebrazione.

La Messa in Si minore di Johann Sebastian Bach, la Nelson-Messe di Franz Joseph Haydn, la Grande Messa in Do minore di Wolfgang Amadeus Mozart, la Missa Solemnis di Ludwig van Beethoven e la Petite messe solennelle di Gioachino Rossini sono cinque esempi che bene illustrano questo genere.

Nel contesto della musica sacra, numerosi compositori hanno messo in musica anche sezioni isolate della messa, senza tuttavia scrivere un’intera composizione. Si può citare a tal proposito come esempio il Gloria di Vivaldi e Poulenc o l’Agnus Dei di Barber.

Tratto liberamente da Wikipedia